Come richiedere gli incentivi per le rinnovabili elettriche

Il GSE pubblica una breve nota in cui chiarisce le tre differenti modalità per accedere ai sussidi a seconda di tipologia e fonte dell’impianto

Da oggi (30/06) è in vigore il Decreto rinnovabili elettriche, il provvedimento che aggiorna i meccanismi d’incentivazione per FER elettriche diverse dal fotovoltaico da qui alla fine dell’anno. Le novità riportate nel decreto, tralasciando i contingenti di potenza incentivabile, riguardano soprattutto le modalità con cui accedere a tali sussidi.

Ma per capire come richiedere gli incentivi per le rinnovabili elettriche bisogna fare prima qualche passo indietro per comprendere quale sia il meccanismo in cui rientra il proprio impianto. Le modalità d’accesso  valide per impianti nuovi, integralmente ricostruiti, riattivati, oggetto di interventi di potenziamento o di rifacimento ed entrati in esercizio dal 1° gennaio 2013, sono le seguenti:

1.Tramite iscrizione in appositi registri in posizione tale da rientrare in limiti specifici di potenza. Il meccanismo comprende progetti di media entità con potenza installata tra 0,5 MW e 5 MW saranno inseriti in un elenco specifico per ogni tecnologia e saranno sostenuti in base a priorità stabilite secondo determinati criteri

2.Tramite partecipazione a procedure competitive di aste al ribasso. Comprende i grandi progetti con più di 5 MW (valore soglia) di potenza installata.

3.Tramite accesso diretto, valido per:

- gli impianti eolici e alimentati dalla fonte oceanica di potenza fino a 60 kW;

- gli impianti idroelettrici di potenza nominale di concessione fino a 250 kW (che rientrano tuttavia in specifiche casistiche)

- gli impianti alimentati a biomassa di potenza fino a 200 kW e gli impianti alimentati a biogas di potenza fino a 100 kW;

- gli impianti realizzati con procedure ad evidenza pubblica da amministrazioni pubbliche, anche tra loro associate, ivi inclusi i consorzi di bonifica, aventi potenza fino al doppio del livello massimo indicato

- gli impianti solari termodinamici di potenza fino a 100 kW.

 
Come richiedere gli incentivi per le rinnovabili elettriche

Si può presentare richiesta di accesso diretto fino al 31 dicembre 2017 o, in ogni caso, entro 30 giorni dalla data dell’eventuale raggiungimento del tetto di 5,8 miliardi di euro annui, che sarà comunicato con delibera AEEGSI sulla base dei dati forniti dal GSE.

I Bandi per la partecipazione ai Registri e alla Procedure d’Asta saranno pubblicati entro il prossimo 20 agosto sul sito GSE. Trascorsi 10 giorni dalla loro pubblicazione, si avranno a disposizione 60 giorni per iscriversi ai Registri e 90 giorni per partecipare alle Procedure d’Asta.

Inoltre, esclusi i solari termodinamici, gli impianti che entreranno in esercizio entro il 29 giugno 2017, potranno beneficiare delle tariffe e degli eventuali premi previsti dal vecchio DM 6 luglio 2012.


Per chi valgono le vecchie modalità

Possono ancora richiedere gli incentivi con le vecchie modalità (ossia quelle indicate dal DM 6 luglio 2012):

- gli impianti in accesso diretto, entrati in esercizio tra il 31 maggio 2016 e il 29 giugno 2016, a condizione che abbiano presentato o presentino domanda di accesso agli incentivi entro 30 giorni dalla data di entrata in esercizio;

-gli impianti in posizione utile a seguito delle Procedure di Asta e Registro, svolte ai sensi del DM 6 luglio 2012, per i quali non siano decorsi i termini per l’entrata in esercizio.

Le richieste di accesso agli incentivi devono essere presentate esclusivamente per via telematica, attraverso il Portale FER-E, accessibile dall’Area Clienti del GSE e le Procedure Applicative saranno pubblicate dal Gestore entro il 15 luglio 2016.

 

Fonte: http://www.rinnovabili.it/

Cerca