Petrolio: anche i Paesi non Opec tagliano la produzione. Prezzi in risalita

Dopo l’accordo Opec per tagliare la produzione di 1,2 milioni di barili al giorno, l'organizzazione è riuscita a convincere 12 paesi non aderenti a togliere dal mercato altri 558mila barili.

Dopo aver concordato fra i Paesi aderenti un taglio della produzione da 1,2 milioni di barili al giorno, l'organizzazione dei paesi produttori di petrolio è riuscita a convincere a ridurre anch’essi la produzione. I 12 Paesi produttori non aderenti all’Opec si sono impegnati a togliere dal mercato altri 558mila barili al giorno, vicino all’obiettivo individuato di 600mila barili. Lo ha detto il ministro del petrolio dell'Iraq, Jabar Ali Hussein al-Luaibi.

Il ministro dell'Energia russo Aleksandr Novak ha confermato che Mosca taglierà la propria produzione di petrolio di 300.000 barili al giorno. "Noi abbiamo annunciato i nostri impegni e li confermeremo", ha detto.
Per il ministro saudita Khalid al-Falih è un accordo storico. Si tratta infatti della prima intesa tra Opec e non Opec dopo 15 anni, dal lontano 2001. Per gli Emirati la porta è ora aperta agli altri Paesi che vorranno unirsi.

L'accordo sancisce il primo intervento congiunto tra paesi Opec e non da quindici anni a questa parte, ma una partecipazione così ampia non si vedeva dagli anni '70: a coordinarsi sono stati paesi responsabili di oltre il 50% dell'offerta petrolifera mondiale.

Oltre alla Russia, tra i grandi produttori hanno aderito l'Oman, il Messico, il Kazakistan, l’Azerbaigian, la Bolivia, il Brunei, la Guinea Equatoriale, la Malesia, il Sudan e il Sud Sudan.
L’offerta globale di petrolio verrebbe ridotta del 2 per cento. L’Opec intende dare via ai tagli già da gennaio.

 

Fonte: http://www.e-gazette.it/

Cerca