Il progetto EU WiseGRID mette il consumatore al centro di una comunità energetica sostenibile

Realizzare una comunità energetica sostenibile i cui soci cooperano nella generazione, distribuzione, stoccaggio o fornitura di energia rinnovabile.

Come possiamo tecnicamente costruire una vera comunità energetica, nella quale consumer, prosumer e cittadini non produttori possano condividere una stessa produzione locale di energia distribuita, da fonti rinnovabili?

A questa domanda prova a dare una risposta un progetto da 17,6 milioni di euro, WiseGRID, finanziato nell'ambito del programma Horizon 2020.

L'obiettivo è mettere sul mercato una serie di soluzioni e tecnologie per aumentare intelligenza, stabilità e sicurezza di una rete energetica aperta, europea, che parta dai consumatori, con un uso avanzato delle tecnologie di stoccaggio e un significativo aumento della quota di rinnovabili.

Il modello seguito da WiseGRID riflette la posizione della Commissione europea che vuole “mettere il consumatore al centro del sistema energetico e promuovere comunità energetiche sostenibili”.
Una comunità di energia sostenibile è una PMI o un'organizzazione senza scopo di lucro, i cui azionisti o soci cooperano nella generazione, distribuzione, stoccaggio o fornitura di energia da fonti rinnovabili,

WiseGRID è una soluzione integrata che sarà dimostrata e valutata in condizioni di vita reale in 4 dimostratori su larga scala - in Belgio, Italia, Spagna e Grecia - in differenti condizioni tecniche, climatiche, normative, legislative e sociali.

I siti dimostrativi coinvolgeranno più di 1700 utenti, 60 batterie - per un totale di più di 300 kWh di capacità installata, 50 pompe di calore – per un totale di oltre 160 kWh di capacità installata, 180 EV, 40 stazioni di ricarica e più di 70 MWh di RES-FV, eolico e idroelettrico.

Al fine di realizzare questa visione, 4 gli obiettivi strategici:

1. Mettere il consumatore al centro

Domanda-risposta:
•    Permettere la partecipazione attiva, la protezione e la responsabilizzazione dei consumatori e prosumer europei;
•    Elaborare modelli di business sostenibili e raccomandazioni normative, basati su diverse tecnologie (smart metering, elettrodomestici intelligenti, batterie, veicoli elettrici, ecc.), per creare una situazione win-win sia per la rete che per i consumatori.

2. Proteggere la rete

Far evolvere la rete di distribuzione:
•    Tecnologie e metodi per avere un monitoraggio avanzato e consapevolezza della variabilità della generazione elettrica
•    Integrazione di Virtual Power Plant e microgrid come attività di bilanciamento attivo.

3. Rafforzare il sistema energetico

Integrazione dei sistemi di stoccaggio dell'energia rinnovabile nella rete, come le batterie o gli accumulatori di calore. Ottimizzazione della diffusione sul mercato di questi sistemi di storage, per gestire e bilanciare la rete in modo ottimale, rispondere meglio alle variazioni della domanda e riducendo allo stesso tempo le perdite nella distribuzione.

4. I servizi Innovativi

Integrazione di servizi Smart City.
Intelligente integrazione di servizi di mobilità elettrica per la ricarica, che offra una capacità di stoccaggio o di fornitura di elettricità alla rete, compreso l'eventuale uso delle batterie delle automobili come sistemi di storage o VPP.

 

Fonte: http://www.retenergie.it

Cerca