Realizzata in Polonia una pista ciclabile ad energia solare che si illumina di notte

Il percorso, progettato dall’Istituto Tecnologie del Futuro, incamera energia durante il giorno per emettere fino a dieci ore di luce una volta al buio

Forse a percorrerla di giorno non sembrerà nulla di speciale. Ma appena il sole inizierà a calare, la nuova pista ciclabile della cittadina polacca Lidzbark Warminski, riuscirà a strappare sicuramente più di una nota di meraviglia. Nelle ore più buie infatti, lo speciale percorso – progettato e realizzato dall’Istituto Tecnologie del Futuro TPA Sp. z oo a Pruszkow – si accende di un blu brillante, permettendo la percorribilità a piedi e in bici senza nessuna aggiunta di luci artificiali.
 
Per dire addio ai lampioni, gli ingegneri polacchi hanno realizzato un nuovo materiale sintetico a base di fosforo adatto alla pavimentazione stradale e soprattutto cromaticamente in sintonia con il paesaggio. Il principio di funzionamento non è certo un mistero, dal momento che impiega la ben nota fosforescenza: alcuni cristalli sono in grado di emettere radiazioni luminose per un certo tempo dopo esser stati esposti alla radiazione luminosa. Una volta “caricato” dal Sole, il materiale sintetico dell’Istituto polacco è in grado di dare luce oltre dieci ore.
 
Se l’idea fa suonare qualche campanello nella memoria è perché il progetto, per stessa ammissione dei ricercatori, trae spunto direttamente dall’opera olandese dello Studio Roosegaarde. Ma mentre il Van Gogh-Roosegaarde path si affida anche all’uso di pannelli solari e LED, la pista ciclabile polacca non richiede alcuna fonte di alimentazione. I ricercatori si sono concentrati a lungo sull’impiego della giusta tonalità di colore e su come garantire la sostenibilità dei materiali sviluppati e l’ottimizzazione dei costi di produzione. Nel laboratorio di Pruszkowski si stanno anche sviluppando diverse fragranze, dagli agrumi alle rose, per questo asfalto a emissione luminosa, in maniera da regalare ai ciclisti un’esperienza unica. Di contro però, la tecnologia richiede ovviamente costi più elevati rispetto a quelli che caratterizzano una pista ciclabile tradizionale. E i test per valutare la durata dell’asfalto luminoso sono ancora in corso.

 

Fonte: http://www.rinnovabili.it/

Cerca