Golfo del Messico, nuovo grande sversamento di petrolio dopo il disastro della Deepwater Horizon

Oltre 9mila barili di petrolio si sono riversati nelle acque del Golfo del Messico a causa dello scoppio di condutture sottomarine.

Nel Golfo del Messico la scorsa settimana, tra l’11 e il 12 ottobre, 1,5 milioni di litri di petrolio si sono riversati in mare a causa dello scoppio di condutture sottomarine della LLOG Exploration Company, società che opera sen settore petrolifero e gas.

Lo scoppio, avvenuto a circa 65 chilometri di distanza dalle coste di Venice, in Louisiana, è l’incidente petrolifero più importante degli ultimi sette anni nell’area del Golfo del Messico, secondo solo alla Deepwater Horizon del 2010 quando si versarono in mare quasi 800 milioni di litri di petrolio, secondo quanto riportato da Bloomberg sulla base dei dati dell’ufficio statunitense per la sicurezza e la tutela ambientale (U.S. Bureau of Safety and Environmental Enforcement BSEE).

Novemila barili di petrolio riversati in mare

L’esplosione delle tubature della Delta House ha causato il rilascio tra i 7.950 e 9.350 barili di petrolio. La fuoriuscita, secondo quanto hanno fatto sapere dalla LLOG, è stata gestita grazie all’intervento di posa delle strutture di contenimento ed è in corso la fase di pulizia. A quanto sembra il petrolio, per ora, non è arrivato sulle coste e non ci sono stati feriti.

Lars Herbst, direttore della Regione del Golfo del Messico di BSEE, ha annunciato di aver avviato i sopralluoghi inviando sul posto 5 persone tra ispettori, ingegneri e investigatori esperti in incidenti petroliferi con fuoriuscite di petrolio. “L’indagine è fondamentale per garantire che la BSEE determini la causa o le cause dell’incidente e sviluppi raccomandazioni per impedire che simili eventi avvengano ancora in futuro”, ha detto Herbst.

I disastri petroliferi del Golfo del Messico

Deepwater Horizon è stato un disastro ecologico di dimensioni colossali, con danni ambientali enormi e ancora oggi, a sette anni di distanza, si riscontrano gli effetti. Ma nel Golfo del Messico i danni causati dalle estrazioni petrolifere sono all’ordine del giorno. Migliaia di fuoriuscite di petrolio “invisibili” stanno inquinando il Golfo del Messico e nessuno ne parla. La Guardia Costiera classifica moltissime fuoriuscite, fino a 380mila litri, minori o moderate, tanto che non vengono mai citate. Piccole perdite significano meno attenzione dei media, meno regolamentazione, minore valutazione dell’impatto ambientale e anche meno finanziamenti per pulirli. Perdite, seppur piccole, che sommate tra loro rappresentano una minaccia enorme e silenziosa per l’habitat del Golfo del Messico.

 

Fonte: http://www.infobuildenergia.it/

Cerca