Agrivoltaico: sotto i pannelli solari prosperano i pascoli

Le aree ombreggiate sono il 328% più efficienti in termini di acqua e mantengono un'umidità del suolo più elevata in estate

Secondo lo studio “Remarkable agrivoltaic influence on soil moisture, micrometeorology and water-use efficiency”, pubblicato su PLOS One da Elnaz Hassanpour Adeh , John S. Selker e Chad W. Higgins del Department of Biological and Ecological Engineering, Oregon State University (Osu), «I pannelli solari potrebbero aumentare la produttività sui pascoli che non sono irrigati e nemmeno stressati».

Il nuovo studio ha rilevato che le erbe e le piante prosperano all’ombra sotto i pannelli solari grazie a un significativo cambiamento di umidità. I risultati sostengono l’agrovoltaico: l’utilizzo dello stesso terreno sia per i pannelli solari che per l’agricoltura. L’idea è di coltivare cibo e produrre energia pulita allo stesso tempo».

Come spiegano all’Osu, «Test del concetto di agrovoltaico sono in corso in diversi siti nel mondo. I ricercatori che stanno dietro questi esperimenti su larga scala stanno testando se le colture possono crescere altrettanto prolificamente all’ombra dei pannelli solari come se fossero in pieno sole, e stanno scoprendo quale sia la migliore inclinazione e disposizione dei pannelli solari».

Come succede spesso, il team dell’Osu è arrivato per caso a questi risultati: camminando davanti a uno degli impianti fotovoltaici del campus universitario, Higgins si è accorto che l’erba più verde cresceva all’ombra della fila di pannelli, quindi il suo team ha installato strumenti per misurare la temperatura dell’aria, l’umidità relativa, la velocità del vento e l’umidità del suolo nelle aree sotto i pannelli e nelle zone esposte alla luce solare diretta. Misurazioni che sono state condotte tra maggio e agosto 2015 e alla fine è stata anche pesato la biomassa fuori-terra nelle diverse aree.

I ricercatori statunitensi hanno così scoperto che «Le aree sotto i pannelli solari avevano un microclima diverso rispetto alle aree esposte. Le aree ombreggiate erano il 328% più efficienti in termini di acqua e mantenevano un’umidità del suolo più elevata durante il caldo estivo». Questo porta a raddoppiare l’erba sotto le file di pannelli solari rispetto alle aree non ombreggiate e le piante hanno anche un maggior valore nutritivo. A fine stagione, gli scienziati dell’Osu hanno anche riscontrato un aumento del 90% della massa vegetale nelle aree sotto pannelli fotovoltaici.

Higgins spiega che «Le piante in pieno sole usano l’acqua il più rapidamente possibile e poi muoiono, mentre quelle in ombra sono meno stressate e usano l’acqua lentamente».

I ricercatori concludono: «Non tutte le colture saranno adatte per la gestione solare, e l’economia della gestione solare attiva con pannelli fotovoltaici ha bisogno di ulteriori studi. Ma i pascoli semi-aridi con inverni umidi possono essere candidati ideali per sistemi agrivoltaici, supportati dai notevoli guadagni di produttività».

- Le tecnologie a supporto dell'agrivoltaico

Strutture di fissaggio rialzate e inseguitori solari costituiscono le tecnologie che meglio incarnano lo spirito dell'agrivoltaico. In particolare, grazie agli inseguitori solari (monoassiali e biassiali) è possibile da un lato ottenere una maggiore quantità di energia dal proprio impianto fotovoltaico e al contempo ad utilizzare il terreno sottostante all'impianto per per coltivare.

AS Solar è distributore ufficale degli inseguitori solari DegerTracker. Clicca QUI per consultare la gamma completa..

Fonte: http://www.greenreport.it

Cerca